Criptovalute: Quali Sono i 5 Errori da Evitare?

Durante la mia quotidiana attività di consulenza fiscale, sono costantemente in contatto con possessori di criptovalute molto confusi e preoccupati, perché non riescono a capire come comportarsi con le loro monete virtuali in quanto, navigando sul web o parlando con “professionisti” del settore, ricevono informazioni superficiali, discordanti, incomplete o, peggio ancora, pericolosamente errate!

La verità è soltanto una…dobbiamo fare attenzione perché con le monete virtuali il fisco non scherza; vediamo quindi quali sono i 5 errori da evitare.
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Indice

1 – Sottovalutare il fenomeno giuridico e fiscale

Il primo errore tra tutti, è sicuramente quello di sottovalutare il fenomeno giuridico e fiscale. Bisogna tenere presente che esistono degli obblighi ormai stratificati nella prassi amministrativa e le autorità fiscali li pretendono.

Questi obblighi non sono un opzione.

Il contribuente non può scegliere se conviene dichiarare oppure no, non è una scelta di convenienza; la legge è eteronoma e quindi prescinde dalla volontà del destinatario.

2 – Non affidarsi a un professionista

Il secondo errore è proprio questo; non affidarsi ad un commercialista, ad un avvocato regolarmente iscritti agli albi e pensare che sia sufficiente informarsi semplicemente attraverso video o articoli di chi, a differenza di un professionista, non è del mestiere.

Un commercialista abilitato alla difesa tributaria difficilmente dirà al contribuente di “non dichiarare in quanto non c’è una legge”. E’ importante quindi affidarsi ad un professionista serio e iscritto agli albi, che sono certificanti la professionalità stessa.

3 – Dichiarare parzialmente

Un altro errore riguarda la dichiarazione e, nello specifico, il dichiarare parzialmente; ad esempio non dichiarare le chiavi private, dichiarare alcuni exchange e non gli hardwallet.

Questo è un errore, perché in caso di controllo viene effettuata una domanda da parte delle autorità fiscali, e la domanda è:

Ci sono altre criptovalute in altri Device? 

Mentire ad una ADR in una verifica fiscale è reato. 

4 – Confidare nei Software

Per quanto riguarda i software, bisogna considerare che a volte non sono necessari per dichiarare. Basta avere contezza, seguire delle istruzioni e ricapitolare quello che è stato fatto.
Nella dichiarazione dei redditi interessa ciò che è fiscalmente rilevante, come i valori iniziali e finali.

5 – Non conservare traccia di quello che viene effettuato

Pensare che gli altri facciano i conti è un errore.

Quando decidiamo di investire in criptovalute, siamo noi che dobbiamo dimostrare con degli elementi oggettivi di essere in una situazione lecita, di aver effettuato determinate operazioni, che la provvista iniziale è di origine lecita e che i valori di fine anno sono quelli corretti.

Cosa devi fare per essere in regola con il fisco?

Scopri il mio percorso dedicato alle criptovalute per mettere al sicuro le tue monete virtuali da accertamenti e sanzioni! Inoltre, se non l’hai ancora ancora fatto, scarica il mio ebook gratuito! Per averlo e per scoprire il percorso, ti basta cliccare sul banner qui sotto.

Metti al Sicuro le Tue Monete Virtuali con CryptoTax

La gestione fiscale delle tue cripto dalla A alla Z

SCARICA GRATIS L'EBOOK

BITCOIN & CRIPTO: Aspetti Giuridici
e Adempimenti Fiscali

..e scopri il percorso CryptoTax

Se ti è piaciuto condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Per sapere di più su: "Criptovalute: Quali Sono i 5 Errori da Evitare?"

Potrebbe interessarti anche...

Decreto OAM ed operatori di criptovalute: come cambiano le cose?

A seguito della firma del cosiddetto Decreto OAM da parte del Ministro dell’Economia Daniele Franco, il settore italiano delle criptovalute è stato colpito da un’ondata di incertezza.
Il provvedimento, infatti, nonostante abbia come scopo quello di mettere ordine nell’attuale caos normativo, presenta diverse criticità che hanno messo in allarme sia operatori di criptovalute nazionali che esteri. In questo articolo vediamo perché e come cambiano le cose per il settore.

Che tipo di Controlli stanno facendo Guardia di Finanza & Agenzia delle Entrate?

Abbiamo già parlato di quali siano gli obblighi dichiarativi e gli errori che molti investitori stanno commettendo sottovalutando il fenomeno fiscale nell’ambito delle monete virtuali.

L’amministrazione finanziaria e la Guardia di Finanza hanno già iniziato un’attività di controllo con il fine di contrastare i fenomeni di riciclaggio, ossia il reimpiego di redditi non dichiarati in attività finanziarie.

Quali Sono gli ERRORI che stanno Commettendo Quasi Tutti i Possessori di CRIPTOVALUTE?

Una buona parte dei possessori di monete virtuali sottovaluta il fenomeno dichiarativo.
L’Italia è stato un paese pioniere nel recepimento della quarta e della quinta direttiva antiriciclaggio e nella definizione di valuta virtuale.
Poi, ha inserito delle norme atte a prendere i risultati ottenuti proprio in sede di antiriciclaggio per poterli utilizzare ai fini della determinazione del reddito.

Le criptovalute vanno dichiarate?

L’Agenzia delle Entrate si è già espressa innumerevoli volte così come anche la dottrina e la giurisprudenza; recentemente anche i controlli delle autorità fiscali, vertono in questa direzione.

Quindi si, le monete virtuali vanno dichiarate.