E’ Possibile Godere dei Profitti senza avere problemi con il Fisco?

Dagli early adopters a chi è bravo nella propria attività di scambio delle monete virtuali, a chi è stato semplicemente fortunato: è possibile fare le cose fatte bene senza avere problemi con il fisco e godersi i proventi della propria attività?
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Indice

Tutto questo è possibile.

Prima di tutto è necessario ricostruire lo storico delle operazioni (dalla prima operazione, quella fiscalmente rilevante), poi bisogna dimostrare l’andamento, effettuare le dichiarazioni integrative al fine dell’assolvimento del corretto monitoraggio fiscale, riportare nel quarto RT (quando necessario) il conto dei propri proventi ed eventualmente tassarlo al 26%.

Tre cose fondamentali; monitoraggio fiscale, pagamento delle plusvalenze e tutta la documentazione necessaria per dimostrare l’attività.

Esempi

Vogliamo comprare una casa? E’ possibile: quando il notaio farà il questionario antiriciclaggio e chiederà l’indicazione dei proventi basterà indicare che si tratta di attività finanziaria.

Vogliamo effettuare un cashout importante in banca? In questo sarà necessario avvisare la banca stessa e dimostrare che l’attività è stata correttamente dichiarata.

Conclusioni

Quindi sì, godere dei propri profitti è possibile seguendo le istruzioni che abbiamo: monitoraggio fiscale, compilazione del quadro RW e pagamento delle plusvalenze indicate nel quadro RT.

Cosa devi fare per essere in regola con il fisco?

Scopri il mio percorso dedicato alle criptovalute per mettere al sicuro le tue monete virtuali da accertamenti e sanzioni! Inoltre, se non l’hai ancora ancora fatto, scarica il mio ebook gratuito! Per averlo e per scoprire il percorso, ti basta cliccare sul banner qui sotto.

Metti al Sicuro le Tue Monete Virtuali con CryptoTax

La gestione fiscale delle tue cripto dalla A alla Z

SCARICA GRATIS L'EBOOK

BITCOIN & CRIPTO: Aspetti Giuridici
e Adempimenti Fiscali

..e scopri il percorso CryptoTax

Se ti è piaciuto condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Per sapere di più su: "E’ Possibile Godere dei Profitti senza avere problemi con il Fisco?"

Potrebbe interessarti anche...

Criptovalute: Quali Sono i 5 Errori da Evitare?

Durante la mia quotidiana attività di consulenza fiscale, sono costantemente in contatto con possessori di criptovalute molto confusi e preoccupati, perché non riescono a capire come comportarsi con le loro monete virtuali in quanto, navigando sul web o parlando con “professionisti” del settore, ricevono informazioni superficiali, discordanti, incomplete o, peggio ancora, pericolosamente errate!

La verità è soltanto una…dobbiamo fare attenzione perché con le monete virtuali il fisco non scherza; vediamo quindi quali sono i 5 errori da evitare.

Decreto OAM ed operatori di criptovalute: come cambiano le cose?

A seguito della firma del cosiddetto Decreto OAM da parte del Ministro dell’Economia Daniele Franco, il settore italiano delle criptovalute è stato colpito da un’ondata di incertezza.
Il provvedimento, infatti, nonostante abbia come scopo quello di mettere ordine nell’attuale caos normativo, presenta diverse criticità che hanno messo in allarme sia operatori di criptovalute nazionali che esteri. In questo articolo vediamo perché e come cambiano le cose per il settore.

Che tipo di Controlli stanno facendo Guardia di Finanza & Agenzia delle Entrate?

Abbiamo già parlato di quali siano gli obblighi dichiarativi e gli errori che molti investitori stanno commettendo sottovalutando il fenomeno fiscale nell’ambito delle monete virtuali.

L’amministrazione finanziaria e la Guardia di Finanza hanno già iniziato un’attività di controllo con il fine di contrastare i fenomeni di riciclaggio, ossia il reimpiego di redditi non dichiarati in attività finanziarie.

Quali Sono gli ERRORI che stanno Commettendo Quasi Tutti i Possessori di CRIPTOVALUTE?

Una buona parte dei possessori di monete virtuali sottovaluta il fenomeno dichiarativo.
L’Italia è stato un paese pioniere nel recepimento della quarta e della quinta direttiva antiriciclaggio e nella definizione di valuta virtuale.
Poi, ha inserito delle norme atte a prendere i risultati ottenuti proprio in sede di antiriciclaggio per poterli utilizzare ai fini della determinazione del reddito.

Le criptovalute vanno dichiarate?

L’Agenzia delle Entrate si è già espressa innumerevoli volte così come anche la dottrina e la giurisprudenza; recentemente anche i controlli delle autorità fiscali, vertono in questa direzione.

Quindi si, le monete virtuali vanno dichiarate.