Imposte dirette e indirette: le differenze

Imposte dirette e indirette, tutto quello che c'è da sapere sulle differenze tra loro e sulla differenza tra imposte e tasse.
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Indice

Introduzione

Nel linguaggio comune non si distinguono le tasse dalle imposte, semplicemente ci rassegniamo e paghiamo le tasse! Ma cosa sono le imposte, dirette e indirette, e le tasse?

Le imposte dirette e indirette

Partiamo dal concetto di imposte, che convenzionalmente si dividono, a seconda della capacità contributiva che vanno a colpire, in:

  • dirette: vanno a colpire in primis la capacità contributiva
  • indirette: vanno a colpire i trasferimenti di ricchezza e i beni.

Imposte dirette

Tra le imposte dirette identifichiamo l’IRPEF, l’imposta sul reddito delle persone fisiche, e l’IRES l’imposta sui redditi delle società. Ma anche l’IMU o l’IRAP. 

Più alti sono i redditi più alte saranno le imposte da pagare: le imposte dirette, quantomeno per quanto riguarda l’IRPEF,  hanno il criterio di progressività, ci sono quindi degli scaglioni con una determinata aliquota da applicare crescente al crescere del reddito.

Imposte indirette

Le imposte indirette, come ad esempio l’IVA, l’imposta sulle successioni, sulle donazioni, o l’imposta di registro, sono imposte che colpiscono i consumi o i trasferimenti di ricchezza. 

Imposte dirette e indirette: alcune precisazioni

Nota Bene: nel momento in cui il legislatore va ad aumentare le imposte indirette sostanzialmente va a penalizzare i ceti medio-bassi. Solo con l’incremento delle imposte dirette, che colpiscono la capacità diretta di produrre un reddito, si riesce a colpire i ceti medio-alti. 

Attenzione: la distinzione tra imposte dirette e indirette non è una distinzione solamente convenzionale, o utile o dottrinale (che serve per spiegare come funzionano le imposte), questa è importante anche dal punto di vista del funzionamento e dell’attività di controllo e di riscossione da parte dell’Agenzia delle Entrate. 

Infine: sulle imposte indirette, specie nell’IVA, c’è un’influenza dell’Unione Europea diversa rispetto alle imposte dirette. 

Le tasse

Vediamo ora cosa sono le tasse.

Le tasse presuppongono l’erogazione di un servizio da parte di un ente. L’ente applica una tassa come “contropartita” dell’erogazione di un servizio. Alcuni esempi di tasse sono:

  • Universitarie
  • Occupazione del suolo pubblico
  • Concessione governativa. 

In conclusione

Abbiamo visto tutte le differenze sia tra imposte e tasse, che tra imposte dirette e indirette. Differenze che è bene sapere anche se… quando c’è da pagare sono tutte uguali…

Se ti è piaciuto condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Per sapere di più su: "Imposte dirette e indirette: le differenze"

Potrebbe interessarti anche...