Conto economico e stato patrimoniale: le differenze

Conto economico e stato patrimoniale sono due prospetti del bilancio di esercizio differenti tra loro ma collegati. 

Indice

Introduzione

Conto economico e stato patrimoniale sono due termini che spesso vengono utilizzati insieme, ma, in realtà, sono due prospetti del bilancio di esercizio molto differenti tra loro, ma tra di loro collegati. 

Il bilancio di esercizio

Quando si parla di conto economico e stato patrimoniale dobbiamo partire, facendo un piccolo passo indietro, dalla definizione di bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio è la fotografia di un’azienda in un determinato momento. L’azienda è un complesso dinamico, che si muove nel tempo, di attività, di conti, di passività: il bilancio cristallizza queste attività e il risultato conseguito in un determinato periodo di tempo. Questo periodo di tempo è convenzionalmente individuato nell’anno solare, quindi il bilancio di esercizio si intende compreso tra il 1° di gennaio e il 31 dicembre. 

Non tutte le imprese sono obbligate al bilancio di esercizio, sono infatti esclusi dal bilancio:

  • I contribuenti minimi e forfettari
  • Le imprese in contabilità semplificata

Invece, ad esempio, le srl che hanno contabilità ordinaria sono obbligate al bilancio.

Il bilancio è principalmente composto da:

  • Conto economico
  • Stato patrimoniale

Oltre alla nota integrativa.

Conto economico e stato patrimoniale: le differenze

Tra questi due prospetti più importanti, conto economico e stato patrimoniale, vi è un collegamento molto forte:

  • Il conto economico andrà ad individuare quali sono le performance in termini di risultato di esercizio. Si andranno ad analizzare, quindi, i ricavi e i costi
  • Lo stato patrimoniale andrà a rappresentare la situazione patrimoniale e finanziaria dell’azienda.

Di conseguenze il reddito di esercizio, troverà la sua naturale collocazione all’interno del conto economico, mentre il patrimonio aziendale troverà la sua collocazione nello stato patrimoniale.

Se da una parte lo stato patrimoniale disegna e rappresenta quella che è la ricchezza dell’azienda, dall’altra il conto economico andrà ad individuare l’aspetto dinamico, la determinazione del reddito dell’azienda. 

Il codice civile va a delineare come sono composti questi due prospetti:

  • Lo stato patrimoniale è composto da due sezioni contrapposte: attivo e passivo. 
    • All’interno dell’attivo troveremo i crediti verso soci per i versamenti ancora dovuti, le immobilizzazioni materiali e immateriali, le disponibilità liquide e i crediti
    • Nel passivo, oltre alle riserve andremo ad individuare le fonti proprie dell’azienda divise per la loro natura e per la loro esigibilità (entro o oltre l’anno).
  • Il conto economico, invece, ha una forma a scalare divisa in quattro sezioni individuate con delle lettere:
    • A: valore della produzione
    • B: costi della produzione (A-B è il margine operativo lordo)
    • C: proventi e altri oneri finanziari
    • D: rettifiche di valore dell’attività finanziaria

Sostanzialmente per determinare il reddito dell’imposta viene fatta una somma algebrica derivante da A-B±C±D, a seconda se le lettere C e D esprimano un valore positivo o negativo. Una volta effettuato il calcolo si perverrà all’utile privo delle imposte, su questo valore verranno calcolate le imposte di esercizio

Conclusione

Perché conto economico e stato patrimoniale sono così importanti? Perché all’interno della gestione dell’azienda ogni fatto, ogni spostamento deve essere enumerato e classificato. 

Ogni singolo spostamento troverà la sua naturale collocazione in uno dei due prospetti. 

Se ti è piaciuto condividilo!

Per sapere di più su: "Conto economico e stato patrimoniale: le differenze"

Potrebbe interessarti anche...

criptovalute ecco la legge

Criptovalute – Ecco la legge

Finalmente, dopo anni di incertezza per gli investitori in criptovalute interviene il legislatore in modo strutturale. Significa cioè che non si fa un intervento spot

pianificazione fiscale

Pianificazione fiscale srl e ditte individuali: cos’è e perché è utile

La pianificazione fiscale è uno strumento di grande utilità per tutte le aziende per ridurre la propria base imponibile, e quindi il carico fiscale, in modo del tutto legale. Fare un’attenta pianificazione fiscale significa riorganizzare la struttura finanziaria e tributaria della propria azienda per diminuire il reddito imponibile attraverso strumenti regolarmente previsti dall’ordinamento tributario italiano.

Compenso amministratore: come si calcola e tassazione

Il compenso amministratore è la somma di denaro versata all’amministratore di un’azienda per il suo ruolo ed è molto utile sapere come si calcola per sfruttare la tassazione a vantaggio del risparmio fiscale dell’impresa.
Continua a leggere l’articolo per saperne di più e, se vuoi approfondire, guarda il video!

10 consigli per pagare meno tasse con una SRL

La SRL è la tipologia di società più diffusa nell’imprenditoria italiana, perciò per moltissimi imprenditori è fondamentale sapere come pagare meno tasse con una SRL, sempre rispettando i confini di ciò che è permesso dallo legislatore e rimanendo nel perimetro della legalità.

Pianificazione fiscale d’impresa

Liberi professionisti, lavoratori dipendenti, piccole aziende e multinazionali: tutti i contribuenti, almeno una volta nella vita, si sono lamentati della pressione fiscale che devono sostenere.
L’atteggiamento negativo nei confronti delle tasse è particolarmente concreto se si parla del contesto italiano, dove, è risaputo, la pressione fiscale non è sicuramente irrisoria se paragonata ad altri paesi.

Bonus carburante da 200 euro: la check list per l’utilizzo

Si amplia la platea dei lavoratori che possono beneficiare del bonus carburante previsto dal decreto Ucraina. Una modifica al disegno di legge per la conversione del D.L. n. 21/2022, introdotta durante l’esame in Commissione al Senato, estende l’utilizzo dei nuovi buoni benzina anche ai lavoratori dipendenti di soggetti che non sono aziende come, ad esempio, gli studi professionali o gli Enti del Terzo settore che svolgono esclusivamente attività non commerciale.

Si può ritenere, inoltre, che possano beneficiarne anche i lavoratori in smart working.

Criptovalute: Quali Sono i 5 Errori da Evitare?

Durante la mia quotidiana attività di consulenza fiscale, sono costantemente in contatto con possessori di criptovalute molto confusi e preoccupati, perché non riescono a capire come comportarsi con le loro monete virtuali in quanto, navigando sul web o parlando con “professionisti” del settore, ricevono informazioni superficiali, discordanti, incomplete o, peggio ancora, pericolosamente errate!

La verità è soltanto una…dobbiamo fare attenzione perché con le monete virtuali il fisco non scherza; vediamo quindi quali sono i 5 errori da evitare.

Decreto OAM ed operatori di criptovalute: come cambiano le cose?

A seguito della firma del cosiddetto Decreto OAM da parte del Ministro dell’Economia Daniele Franco, il settore italiano delle criptovalute è stato colpito da un’ondata di incertezza.
Il provvedimento, infatti, nonostante abbia come scopo quello di mettere ordine nell’attuale caos normativo, presenta diverse criticità che hanno messo in allarme sia operatori di criptovalute nazionali che esteri. In questo articolo vediamo perché e come cambiano le cose per il settore.

Che tipo di Controlli stanno facendo Guardia di Finanza & Agenzia delle Entrate?

Abbiamo già parlato di quali siano gli obblighi dichiarativi e gli errori che molti investitori stanno commettendo sottovalutando il fenomeno fiscale nell’ambito delle monete virtuali.

L’amministrazione finanziaria e la Guardia di Finanza hanno già iniziato un’attività di controllo con il fine di contrastare i fenomeni di riciclaggio, ossia il reimpiego di redditi non dichiarati in attività finanziarie.